Bachelorarbeit Giorgio Clerici

Bild Diplomand
Laureato
Giorgio Clerici
Docente
Renato Guidicelli, Ing. dipl. STS
Esperto
Piergiorgio Rossi, Dipl. Ing. HTL
Disciplina
Edilizia – Strutture in acciaio
Anno
2010
Una casa per la pista di pattinaggio
Progettazione di un edificio sportivo a struttura d’acciaio — pista di pattinaggio a Bellinzona
Alla pista di pattinaggio a Bellinzona finora mancava una copertura. Una tale copertura è da progettare come struttura polivalente che garantisca versatilità e forte impatto estetico. Si richiede una soluzione efficace dal punto di vista strutturale, ma che si discosti dalle concezioni usuali. Altre esigenze sono un montaggio semplice e rapido della struttura e anche la gestione efficace d’un bar / terrazza annesso.

La soluzione presentata è una struttura portante esterna in acciaio, contraddistinta da travi tridimensionali appoggiate su pilastri esterni disposti in forma di «V». L’acciaio è stato scelto come materiale in quanto si presta alla realizzazione di strutture di questo tipo e, se ben utilizzato, porta ad ottenere soluzioni assai raffinate.

Stabile con tre livelli
Partendo da piani architettonici di un progetto degli anni ’90 mai realizzato per motivi economici, che vedeva la presenza di quattro torri in calcestruzzo e travi reticolari esterne portanti in direzione del lato maggiore, si è svolta una prima fase di studio di varianti. La progettazione si è orientata nella ricerca di una soluzione efficace dal punto di vista strutturale, ma che nel contempo si discostasse da concezioni troppo usuali; di fatto, viste le dimensioni di 78 per 47 m, volendo ridurre i costi rispetto alla soluzione di partenza, vi era il rischio di indirizzarsi verso strutture simili a quelle dei capannoni industriali. Dopo analisi qualitative e quantitative, l’idea è stata quella di suddividere lo stabile in tre livelli: il primo è caratterizzato da una parte seminterrata in calcestruzzo, il secondo comprende la zona della pista e il terzo la struttura metallica di copertura.

Struttura esterna e interna
La struttura metallica è contraddistinta da travi reticolari tridimensionali esterne appoggiate su pilastri, anch’essi posti all’esterno, disposti in modo da ottenere una geometria a «V». Tale struttura ha il compito di sostenere l’intera copertura dell’edificio, lasciando completamente libero lo spazio interno.
La particolarità statico-costruttiva della struttura esterna è quella di essere collegata rigidamente al corpo dell’edificio sottostante mediante appositi connettori posti al centro della copertura; con questo accorgimento la struttura esterna è sgravata dalle azioni orizzontali, ciò che ha permesso di aumentare notevolmente la snellezza delle colonne di facciata, a vantaggio dell’estetica.
Una soluzione di questo tipo necessita di accorgimenti e dettagli elaborati, tuttavia la scelta è giustificata dal risultato finale, che garantisce un forte impatto estetico con costi di esecuzione non eccessivi. Il corpo dell’edificio propriamente detto, inserito sotto l’ossatura metallica esterna è caratterizzato da una struttura in metallo opportunamente irrigidita, che contribuisce alla stabilità della struttura esterna.

Realizzazione e gestione
La zona a nord presenta un piccolo annesso adibito a bar/terrazza, anch’esso oggetto di studio. Lo sviluppo del progetto ha permesso, settimana dopo settimana, di affinare la struttura con la realizzazione di dettagli costruttivi capaci di rispondere alle esigenze statiche e di montaggio. è stata svolta anche un’analisi dettagliata, supportata da specialisti del settore, al fine di ottimizzare gli aspetti gestionali e di realizzazione. L’intero progetto è stato analizzato nel modo più esaustivo possibile nell’arco di tempo a disposizione, toccando solo in parte i concetti che necessiterebbero d’una progettazione in particolare.
Bild Fusszeile